ERGONOMIA: BENESSERE E PRODUTTIVITÀ

  • 29-mar-2018

Ergonomia: benessere e produttività

di Francesco Mana

 

Ho trent’anni. O meglio, ne ho trentuno: la precisione è importante. Di mestiere scrivo. O meglio, riscrivo parole scritte da altri (la precisione…). Questo per otto ore al giorno, cinque giorni a settimana, da ormai cinque anni.

Quando ho iniziato a lavorare, la mia postazione ideale rispecchiava fedelmente l’immagine comune che si ha del traduttore: seduto sul divano in pigiama con il portatile appoggiato sulle ginocchia, poi sul tavolino, poi di nuovo sulle ginocchia, poi sul divano, e via così fino a fine giornata. Unico assente dello stereotipo, l’immancabile gatto. Nel peggiore dei casi, incurante di qualsiasi buona prassi dell’ergonomia, mi stravaccavo su un enorme cuscino buttato sul pavimento del salotto con il portatile appoggiato sulla pancia e le gambe distese sul divano. Durante la giornata, mi trovavo (troppo) spesso in piedi a bere un caffè, un bicchiere d’acqua, a mangiare qualcosa, a controllare se avessi chiuso la finestra del bagno… Ogni scusa era buona per fare una pausa, ma non dal lavoro (quelle sono sacrosante e necessarie): avevo bisogno di dare tregua alla schiena, alle spalle, al collo! Insomma, il classico “vado a sgranchirmi un po’”.

 

Con l’aumento dei volumi (per fortuna!) e volendo darmi un tono più professionale, dopo un anno di attività mi sono dotato di una vera scrivania, di un PC fisso e di una buona sedia con supporto lombare. Ho anche smesso di lavorare in pigiama. Un bel salto di qualità, direte; tuttavia, temo di aver abusato un po’ troppo dello schienale reclinabile, adottando una posizione sostanzialmente sdraiata sotto la scrivania, le braccia tese per raggiungere la tastiera e lo sguardo rivolto verso l’altissimo monitor.

Inutile dire che ben presto mi è stato presentato il conto: mal di schiena, collo indolenzito, mal di testa e braccia stanche erano la prassi. Non che vivessi una condizione tragica, sia chiaro, si trattava più che altro di fastidi; avessi fatto il camallo, oggi avrei lamentato ben altri dolori…

 

Nonostante le premesse, non sono stati questi i motivi che mi hanno spinto a cercare una postura corretta. In realtà, sono un inguaribile nerd attratto da qualsiasi tipo di oggetto, purché abbia a che fare con la tecnologia e sia bello. Lo sono talmente tanto che spesso vedo qualcosa che mi piace e mi convinco di averne bisogno, e provo a convincere chiunque mi stia intorno che l’intera mia esistenza sarebbe di gran lunga migliore se acquistassi quell’oggetto, questo finché non ricevo la rassegnata approvazione di qualcuno. Di solito, il tutto si risolve con me che compro un oggetto inutile e mia moglie che, giustamente, mi dà del cretino. Le eccezioni a questa norma sono davvero rare, e una di queste riguarda l’acquisto di un mouse verticale che ha coinciso con il mio approccio all’ergonomia. In realtà avevo già sperimentato la trackball,ma il suo acquisto era stato dettato dalla “necessità” di poter usare il mouse anche in assenza di una superficie piana e non dalle sue ottime qualità ergonomiche: ero ancora in quella fase in cui sposavo l’idea del traduttore che lavora ovunque, come in treno, al parco, o dal letto di un ospedale al risveglio da un intervento al ginocchio (l’ho fatto davvero)! Considerandola però sul piano ergonomico, la trackball è davvero un ottimo oggetto: il fatto di poter spostare il cursore con semplici movimenti del pollice consente di esercitare una minima tensione sui muscoli dell’avambraccio, che rimane a riposo.

Ma torniamo al mouse verticale, nella fattispecie questo:  potevo non farmi ammaliare da un design simile? Ovviamente no. Ma soprattutto: “In effetti alla sera mi fanno un po’ male il braccio e il polso. Ne ho bisogno!”. Due giorni dopo, eccolo lì che svettava bello tronfio sulla mia scrivania. Ma per una volta, uno dei miei capricci ha coinciso con un reale beneficio: tutte quelle cose che mi raccontavo sul fatto di avere il braccio stanco erano vere! E il mouse, che grazie al suo design consente un’impugnatura naturale del dispositivo senza richiedere una torsione del polso e dell’avambraccio, le aveva parzialmente risolte. Da quel momento in avanti, ho iniziato a modificare la mia postazione di lavoro in favore di una postura più corretta. Ecco come:

  • Ho regolato la sedia a un’altezza adeguata e ho bloccato lo schienale per non cadere nella tentazione di una posizione reclinata apparentemente più comoda.
  • Ho rialzato di una decina di centimetri il monitor per una migliore angolazione della visuale sullo schermo, dando inoltre nuova vita al dizionario cartaceo dei sinonimi e dei contrari, ormai soppiantato dalle numerose versioni online; esistono anche supporti appositi,  ma per ora resisto!
  • Per dieci minuti di fila ho provato il cuscino lombare, prima di scoprire che, con tutta probabilità, è un prodotto concepito e realizzato da Lucifero in persona. A onor del vero, conosco colleghi che non ne possono fare a meno.
  • Mi sono dotato di un secondo schermo, in posizione verticale: dal punto di vista dell’ergonomia è del tutto ininfluente, ma dal punto di vista della produttività è una bomba! Sul monitor principale tengo aperto il tool di lavoro, il secondo schermo lo adibisco invece a strumento di consultazione (PDF di riferimento, siti Internet, glossari), eliminando così un megamiliardo di passaggi tra una finestra e l’altra, con il beneplacito della scorciatoia AltTAB che ha finalmente trovato un po’ di riposo.
  • Ho acquistato un poggiapiedi, l’avrò usato 3 volte: non solo non ho riscontrato alcun beneficio, ma l’ho trovato addirittura scomodo.
  • Tastiera ergonomica: il design di queste tastiere consente di assumere una posizione più naturale e rilassata delle braccia e dei polsi in fase di digitazione. Inspiegabilmente non ne esistono molti modelli (parlo di quelle accessibili a un prezzo modico, perché a voler spendere… https://shop.keyboard.io/) e di quei pochi, solo alcuni, tutti proposti da Microsoft, sono destinati al mercato italiano. Dopo aver vagliato attentamente tutte le opzioni, anche valutando l’acquisto di una tastiera con layout americano, ho deciso di investire sulla Sculpt Ergonomic. A fronte di qualche difficoltà iniziale dovuta alla posizione diversa dei tasti, con un periodo di apprendimento tutto sommato veloce (2 o 3 giorni), ne ho ricavato una comodità e un giovamento irrinunciabili. Unico limite è la necessità di digitare a (quasi) dieci dita, diversamente non si trae alcun beneficio, anzi la disposizione dei tasti potrebbe diventare un ostacolo.

 

Con la stessa onestà con cui ammetto di essere un nerd capriccioso, posso affermare che tutti questi piccoli accorgimenti mi consentono di arrivare a fine giornata molto più rilassato.

 

E i benefici non si traducono solo in termini di benessere, infatti ho notato un netto miglioramento della produttività. Con una migliore condizione ergonomica, la necessità di pause per sgranchirsi è diminuita sensibilmente: dalle quattro o cinque pause (anche brevi) prima di pranzo e altrettante dopo pranzo, oggi ne faccio solo un paio. A spanne, direi che ci ho guadagnato una mezz’ora al giorno, a fine mese siamo su una decina di ore o poco meno… Insomma, una giornata di lavoro in più. Niente male! Per non parlare del tempo, che non sono in grado di quantificare, risparmiato grazie al secondo schermo (quasi quasi, aggiungo il terzo) e dell’aumento della velocità in digitazione avendo necessariamente imparato a digitare usando le dieci dita (qui un ottimo strumento per imparare e allenarsi a digitare nel modo corretto).

Ovviamente questi sono solo alcuni consigli per migliorare la postura, ad esempio non ho mai approfondito la possibilità di migliorare la seduta con supporti diversi dalla classica sedia da ufficio, e mi riferisco alle “sedie svedesi”  o alle palle da ginnastica  (per i più curiosi, un divertente approfondimento è disponibile qui). Ma non andrò oltre, per il semplice motivo che l’intento del post era quello di offrire una panoramica dell’argomento in base alla mia esperienza che, per il momento, si esaurisce con la tastiera ergonomica.

 

DISCLAIMER: l’intero post si basa esclusivamente sull’esperienza di chi scrive e non ha la presunzione di dare un giudizio assoluto su nessuno degli articoli trattati.

 

-----------------------------------

Francesco Mana - classe 1986, alassino di nascita e genovese di adozione. Traduce per vivere ed è un inguaribile malato di pallacanestro in ogni sua espressione.

Commenti

Crea un commento

Campo richiesto

Blog


Contatti

Via alla Porta degli Archi 10/9 - 16121 Genova (GE) - Italy
E-mail: info@creative-words.com
Tel: +39 (0) 10 8970500
Fax: +39 (0) 10 8970344
Cell: +39 320 9730292
Skype: diego.cresceri

"Se parli con un uomo in una lingua a lui comprensibile, arriverai alla sua testa. Se gli parli nella sua lingua, arriverai al suo cuore."   Nelson Mandela


Altri argomenti

AZIENDA
LA NOSTRA FILOSOFIA

Ascolto del cliente, flessibilità, tecnologia e innovazione sono i quattro pilastri su cui ci basiamo per offrire ai nostri clienti un servizio sempre superiore alle aspettative.

+ leggi
AZIENDA
PARTNERSHIP E ASSOCIAZIONI

Crediamo molto nell'apprendimento continuo e nel networking. Per questo Creative Words è membro delle più importanti associazioni del settore. 

+ leggi
TRADUZIONE E LOCALIZZAZIONE
TRADUZIONE E LOCALIZZAZIONE

Nel mondo di oggi iper-globalizzato, la traduzione è un passaggio obbligato per far conoscere il proprio prodotto a un pubblico multilingue. Scopri come possiamo aiutarti.

+ leggi