RACCONTI / 6: IL FREELANCE DAY 2018 A TORINO – PARTE 2

  • 6-apr-2018
  • 1 Comment

RACCONTI/6: IL FREELANCE DAY 2018 A TORINO – Parte 2

 

Nei giorni scorsi cinque ragazze del nostro team linguistico sono state a Torino in occasione del Toolbox Freelance day, e hanno deciso di raccontarci un po’ delle loro impressioni. Trovate qui i racconti della mattinata, mentre a seguire vi proponiamo gli interventi del pomeriggio:

 

3. L’ansia: il nostro miglior nemico

di Cristina Siragusa

 

La pausa pranzo ci ha rifocillate e ricaricate a dovere per affrontare la seconda parte della giornata. Tra i tanti temi proposti, ho optato per quello dell’ansia: una presenza costante nella vita dei freelance che, spesso e volentieri, sono in perenne lotta contro la precarietà, le scadenze ravvicinate, i ritardi nei pagamenti e la solitudine lavorativa. Tuttavia non è necessario trovarsi in una condizione così disastrosa per apprezzare appieno l’intervento di Simone Spadarotto, dal titolo Sconfiggere il mostro: l’ansia del freelance, in quanto ricco di consigli da tenere a mente per il futuro e da applicare in generale a tutti i campi della vita, indipendentemente dalla professione svolta.

Ci risulta difficile destreggiarci tra mille progetti e attività diverse? Stendere una scaletta di priorità è quello che fa al caso nostro: porteremo immediatamente a termine gli impegni più urgenti e importanti e pianificheremo quelli che hanno una scadenza a lungo termine; allo stesso tempo, non dovremo aver paura di delegare i meno importanti ed eliminarne altri dalla nostra to-do list.

Tendiamo a porci obiettivi troppo generali e difficilmente raggiungibili nel breve periodo, il cui unico risultato è quello di accrescere la nostra insoddisfazione? A correre in nostro aiuto è la tecnica degli obiettivi SMART, acronimo che sta per Specific (specifici), Measurable (misurabili), Achievable (raggiungibili), Realistic (realistici) e Time-based (definiti nel tempo). La consapevolezza di aver portato a termine, nell’arco della giornata, tre obiettivi ben definiti rafforzerà la fiducia in noi stessi e ci permetterà di raggiungere senza sforzi eccessivi un macro obiettivo.

Un vortice di pensieri negativi finisce per travolgerci periodicamente? Ricordiamoci di cercare prove oggettive a conferma dei nostri pensieri: scopriremo che spesso e volentieri si tratta solo di sensazioni che non hanno un vero riscontro nella realtà. Teniamo alta l’autostima e non dimentichiamoci mai che, oltre ai difetti, abbiamo anche numerosi pregi e potenzialità.

Per concludere, non condanniamo sempre l’ansia! Retaggio della preistoria, quando i nostri antenati ne avevano bisogno per sopravvivere al pericolo di essere divorati da animali feroci, l’ansia fisiologica può rappresentare una valida alleata: contribuisce, infatti, a mantenere alti i nostri livelli di attenzione e ci permette di essere maggiormente reattivi di fronte a potenziali “minacce”, proprio come accadrebbe se ci imbattessimo in un orso dall’aria non troppo pacifica.

 

4. Una vita in vacanza?

di Giulia Mondello

 

Questa giornata sul mondo dei freelance, ricca di spunti e contenuti preziosi –  anche se talvolta piuttosto inquietanti –  si è conclusa con l’intervento di Alberto Mattei dal titolo Il mondo è il posto migliore dove lavorare, che, oltre a riportare un po’ di speranza e buonumore nel mio cuoricino, ha offerto uno sguardo su una realtà ancora poco conosciuta: quella dei nomadi digitali. Queste insolite creature sono l’evoluzione dei lavoratori da remoto, perché non si limitano a lavorare lontano dall’ufficio, ma si spostano continuamente da un luogo all’altro, svolgendo la propria attività con l’aiuto della sola rete internet.

Questo nuovo metodo di lavoro, che è anche una filosofia di vita, sembra avere vantaggi e benefici immediati non solo sull’umore della persona, ma anche sul frutto del suo lavoro. Non più costretto tra quattro mura (che siano di un ufficio o dello studio di casa), ma a contatto con luoghi, culture e persone diverse da quelle a cui è abituato, il lavoratore riceverà nuovi impulsi che lo porteranno a svolgere il proprio dovere con più entusiasmo e creatività. Questo stile di vita può essere affiancato da diverse realtà innovative, come il co-living, ovvero la condivisione dell’ambiente abitativo con altri professionisti, o la workation, cioè la vacanza-lavoro in un ambiente di coworking, pensata per chi vuole viaggiare e passare del tempo in una nuova località senza rinunciare completamente al lavoro. Personalmente non credo che questo stile di vita sia adatto a chiunque, ma non bisogna nemmeno precludersi a priori tale possibilità! Anzi, vi invito a leggere le esperienze di alcune persone che hanno scelto di intraprendere questa avventura, raccolte su Nomadi Digitali, il sito fondato dal relatore dell’intervento, e le slide presentate all’evento. Non si può mai sapere cosa ci riserverà il futuro :-)

 

...ma che fine ha fatto Lavinia, la quinta delle nostre partecipanti all’evento? Ebbene, anche lei ha da dire la sua, ma vi proporremo il suo intervento la settimana prossima.

Stay tuned, l’argomento sarà sicuramente di vostro interesse!

 

-----------------------------------

Cristina Siragusa – Lettrice accanita fin dalla tenera età, gira sempre con un libro per tuffarsi tra le sue pagine alla prima occasione utile. Adora il mare e viaggiare, è affascinata dal mondo naturale e ama incondizionatamente (quasi) tutti gli animali. Appassionata di lingue, traduce dall’inglese e dallo spagnolo, ma vorrebbe disporre di mille vite per imparare anche tutte le altre lingue esistenti.

 

Giulia Mondello – Gattara full time, nel tempo libero traduce dall'inglese e dal tedesco. Oltre agli adorabili felidi, ama le passeggiate nei boschi, il cioccolato (rigorosamente fondente!) e pianificare itinerari per andare alla scoperta delle città.

Commenti

Crea un commento

Campo richiesto

Blog


Contatti

Via alla Porta degli Archi 10/9 - 16121 Genova (GE) - Italy
E-mail: info@creative-words.com
Tel: +39 (0) 10 8970500
Fax: +39 (0) 10 8970344
Cell: +39 320 9730292
Skype: diego.cresceri

"Se parli con un uomo in una lingua a lui comprensibile, arriverai alla sua testa. Se gli parli nella sua lingua, arriverai al suo cuore."   Nelson Mandela


Altri argomenti

AZIENDA
LA NOSTRA FILOSOFIA

Ascolto del cliente, flessibilità, tecnologia e innovazione sono i quattro pilastri su cui ci basiamo per offrire ai nostri clienti un servizio sempre superiore alle aspettative.

+ leggi
AZIENDA
PARTNERSHIP E ASSOCIAZIONI

Crediamo molto nell'apprendimento continuo e nel networking. Per questo Creative Words è membro delle più importanti associazioni del settore. 

+ leggi
TRADUZIONE E LOCALIZZAZIONE
TRADUZIONE E LOCALIZZAZIONE

Nel mondo di oggi iper-globalizzato, la traduzione è un passaggio obbligato per far conoscere il proprio prodotto a un pubblico multilingue. Scopri come possiamo aiutarti.

+ leggi